Informativa
Il nostro sito web utilizza cookies, anche di terzi, per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni o per modificare le tue preferenze sui cookies di terzi accedi alla nostra Cookie Policy.


19#Ciclovia del Sile
Descrizione Itinerario

L’asta del fiume Sile costituisce un corridoio fluviale dove si condensano rilevanti testimonianze storiche e ambiti seminaturali di pregio, una greenway adatta per i diversi tipi di escursionismo, da quello in bicicletta a quello nautico, con natanti di piccole dimensioni, lungo i meandri del fiume. La ciclovia nello specifico ha inizio poco a valle del centro storico di Treviso, presso il Ponte della Gobba, e prosegue in sponda sinistra verso Silea, sfruttando la via alzaia (o restera) che costeggia l’alveo fluviale, un tempo utilizzata per l’attiraglio delle imbarcazioni che risalivano il fiume cariche di merci. La secolare navigazione fluviale e la sua definitiva decaduta nel corso degli anni ’70 del 1900 sono testimoniate dal particolare sito del Cimitero dei burci, dove si trovano, in stato di abbandono, le storiche imbarcazioni per il trasporto commerciale un tempo dirette da Treviso in Laguna Veneta e viceversa. Scendendo lungo il fiume attraverso i percorsi della greenway GiraSile si incontrano splendidi esempi di ville venete, aree umide e caratteristici borghi fluviali come Casier, Cendon, Casale sul Sile e Musestre, dotati di comodi approdi. Superato l’abitato di Quarto d’Altino ci si inoltra nell’ambito della gronda lagunare, a poca distanza dal sito archeologico romano di Altino, fino a raggiungere la conca di Portegrandi, da cui è possibile spingersi in breve tempo sia verso Venezia e le isole della Laguna Nord sia verso le località balneari di Jesolo e del Cavallino.