44#Ciclabile e Ippovia della Brenta / Magiche acque
Descrizione Itinerario

L’itinerario interessa un ambito geografico di gran pregio, che comprende aree anfibie sospese fra terra ed acqua, specchi lagunari ricchi di biodiversità, produttivi territori di bonifica e rilevanti testimonianze storico-artistiche. Partendo dalla città marinara di Chioggia si segue il percorso dell’Ippovia della Brenta, adatto anche all’escursionismo in bicicletta, lambendo l’interessante zona di produzione agraria specializzata del Parco degli Orti, in località Brondolo. Il tracciato prosegue lungo il limite meridionale della Laguna Veneta, incrociando Conche e Santa Margherita di Codevigo, dove un’idrovora ottocentesca ospita un itinerario didattico inerente la gestione delle acque nel territorio di bonifica. L’impianto di sollevamento è il punto d’intersezione con il suggestivo percorso “Magiche Acque”, che si sviluppa da Lova a Correzzola intercettando i diversi manufatti idraulici deputati al controllo delle acque e le aree umide circostanti, fra cui l’oasi di Cà di Mezzo. Da Santa Margherita una deviazione permette inoltre di raggiungere il contesto palustre di Valle Millecampi, di grande importanza dal punto di vista naturalistico. L’itinerario procede quindi verso nord, spingendosi a Cambroso, piccolo centro in cui sorge il Palazzo dei Merli, antica residenza dello scrittore veneziano Alvise Cornaro, e giungendo a Campolongo Maggiore, dove si trova un punto di accoglienza turistica lungo l’Ippovia.